Un uomo e una donna.

di rossella

Un uomo e una donna: uno di fronte all’altra, nello spazio vuoto. Si guardano e nei loro occhi leggono: gioia, amore, paura.

“Hai paura?” urla l’uomo alla donna, da lontano. La donna si irrigidisce, abbassa lo sguardo. L’uomo diventa incurante, le volta le spalle: davanti a lui appaiono dei fornelli, dove inizia a cucinare con arte, riempiendo ben presto lo spazio di accattivanti aromi.

La donna si riscuote, compie dei passi nella sua direzione. Quando si ferma al centro dello spazio, compare davanti a lei una tavola, che di buon grado si dispone ad apparecchiare.

(immagine trovata su Internet)

Sui muri bianchi si delineano delle finestre, attraverso cui si fa strada il sole. I suoi raggi illuminano la donna, che indossa un bellissimo vestito rosso, scollato. Come l’uomo, ha la pelle di un bel colore dorato. Lui abbandona per un attimo la cucina, la prende per mano, la aiuta a preparare la tavola, le poggia le labbra sul collo.

“Ho voglia di far l’amore con te” dichiara. “Sei bella, profumi di angeli e rose”.

“E com’è il profumo degli angeli?” chiede lei divertita, arrossendo.

“Non lo so tesoro! Ma tu ce l’hai!” esclama lui tornando ai fornelli, con un sorriso disteso. La donna si siede in silenzio al tavolo ormai pronto, guardando distratta nella direzione opposta a quella dell’uomo. “Non mi dici niente oggi” si lamenta lui, riempiendole il piatto di pasta. “Mangia allora!” Lei guarda il cibo vogliosa, poi guarda l’uomo e nei suoi occhi incontra di nuovo il desiderio. Le sfugge un altro sorriso: è bello lui, molto bello. Il suo corpo e il suo viso hanno i colori del cioccolato, come quelli della donna. Lei riesce a vedere anche il colore della sua anima: è gialla, rossa e nera. Lei tiene gli occhi ben aperti su quel nero, che disegna i contorni delle sue paure.

Lui si siede a tavola e mangia; non dice più nulla, i suoi occhi ogni tanto si rabbuiano e guardano altrove. Lei gli parla: “Sei bello e mi piaci molto. Sei anche dolce, solare, profondo”. Fa una pausa, gli occhi lacrimano ora: “Io so tutto della tua profondità”.  Lui la guarda incerto. Lei continua: “Io però non sono la tua donna e non voglio più mangiare insieme a te. Grazie per l’invito ma questa volta vado via”. L’uomo smette di mangiare, rivolge alla donna uno sguardo aggrottato, ferito. “Hai rovinato tutto” mormora. “Non c’era nulla da rovinare” scandisce lei con la voce ben ferma, mentre si alza.

Annunci